Blog esoterico

Sul perchè la guarigione fisica non è sempre possibile

Il testo che segue è tratto dal libro “Quello che Loro mi hanno detto” di Daniel Meurois, in cui l’autore ha canalizzato la voce di tre Maestri Ascesi, ovvero El Morya, Kuthumi e Djwal Khul, il tibetano:

«Forse avete già notato che un certo numero di voi non riesce sempre a contrastare le ripercussioni dei suoi disturbi a livello fisico, quindi a livello eterico, anche se riesce a comprenderne le ragioni, anche se riesce a capirne le cause. Che cosa significa questo? Significa semplicemente che la comprensione dei vostri disturbi è essenzialmente mentale. Allora vi ponete questa domanda: “Com’è possibile che, comprendendo intellettualmente il mio problema, non riesca a integrarne meglio la comprensione, a digerirla fino al livello fisico?”, e visto che i vostri disturbi perdurano, non sapete più con quale mezzo identificare la vostra difficoltà.

Ecco che cosa possiamo dirvi su questo argomento: per contrastare una malattia, non sempre basta comprendere bene il meccanismo attraverso il quale la sua disarmonia si insinua fino al livello fisico; bisogna anche che il corpo fisico accetti di reagire, cioè che cancelli la memoria di ciò che le sue realtà molto più sottili sono riuscite a inculcargli, a imporgli.

Ci riferiamo certamente a ciò che gli scienziati chiamano “memoria cellulare”. E’ questa memoria cellulare che bisogna cancellare totalmente, in modo che l’organismo denso non continui più a manifestare i disturbi che il mentale e l’emozionale hanno compreso e digerito. In effetti, c’è spesso una sorta di barriera o di porta interiore che non si riesce a superare a causa della resistenza e della staticità fisica. Questa resistenza proviene dall’immaginazione della realtà corporale densa. Non siate sorpresi da questa “immaginazione del fisico”. Questa risulta da una sorta di visualizzazione che le cellule del corpo attivano da sole, come un automatismo. E’ questa immaginazione che fa sì che le cellule memorizzino certi disturbi e a volte resistano a ogni iniziativa interiore. Ecco una delle ragioni per cui, a volte, un disturbo, un malessere, un dolore persistono a dispetto di tutto».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...